Registrati, è gratis!

Arteide è una piattaforma nuova ed innovativa che racchiude arte, turismo e formazione.

Registrati Subito!

E' gratis e con la registrazione potrai creare la lista dei tuoi preferiti ed accedere alla nostra newsletter.
Una volta registrato, se sei un artista, un attività o un semplice appassionato potrai inserire le tue opere, eventi e tanto altro!

Fasciani Manuel

Manuel
Fasciani

Manuel Fasciani nasce a Sulmona (AQ) il 31-12-1993.

Frequenta l’Istituto d’Arte Mazara di Sulmona, indirizzo: “Architettura e Arredamento”. Qui ha acquisito la conoscenza degli aspetti funzionali, estetici e delle logiche costruttive fondamentali; la conoscenza della storia dell’architettura, con particolare riferimento all’architettura moderna e alle problematiche urbanistiche connesse, come fondamento della progettazione; una chiara metodologia progettuale applicata alle diverse fasi da sviluppare (dalle ipotesi iniziali al disegno esecutivo); la consapevolezza della relazione esistente tra il progetto e il contesto storico, sociale, ambientale e la specificità del territorio nel quale si colloca. Ha acquisito, di conseguenza, dimestichezza con le varie tecnologie informatiche in funzione della visualizzazione e della definizione grafico tridimensionale del progetto.

Si iscrive successivamente all’Accademia di Belle Arti di L’Aquila, indirizzo: “Grafica d’Arte e Progettazione”. Qui ha acquisito le adeguate conoscenze delle tecniche della rappresentazione nell’ambito della calcografia, xilografia, serigrafia, computer grafica e delle tecniche di stampa; della conoscenza storica e metodologica dei processi grafici e della stampa d’arte; di strumenti metodologici e critici adeguati all’acquisizione di competenze dei linguaggi espressivi, delle tecniche e delle tecnologie più avanzate relative; delle competenze e strumenti per la comunicazione e la gestione dell’informazione, in particolare con gli strumenti informatici.

Ottenute le conoscenze necessarie dei vari metodi di rappresentazione dell’arte ed avendo maturato un appropriato senso critico, nel Marzo 2017, consegue la laurea triennale in “Grafica d’Arte e Progettazione”, la cui tesi, dal titolo “Estetica dell’Arte- dall’etimologia del termine all’epoca della riproducibilità tecnica”, nata dalla sua continua ricerca di “nuova bellezza”, ha come oggetto l’analisi della concezione estetica e di come questa sia mutata nel tempo fino ai giorni nostri.

La timidezza, fin da bambino, gli permette di addentrarsi nel mondo dell’arte e della sua filosofia e di conoscere le sue ingenti metodologie di rappresentazione, utilizzando le stesse per esternare la sua interiorità, le sue emozioni, le sue idee, per rendere “visibile” tutto ciò che non lo è. Si reputa una persona più pratica che teorica. Sin da bambino mostra una particolare meticolosità per il dettaglio: nel quotidiano e nel suo operato artistico (aspetti che ben presto inizieranno a fondersi).

Pittore, anche murale, surreale, ritrattista iper-realista, caricaturista, incisore, grafico pubblicitario, fotografo, fotomanipolare di immagini digitali, oggi segue l’impronta concettuale dell’installazione e dell’happening.

Passando per i principali concetti estetici esposti dai maggiori esponenti filosofici che più hanno interagito con questa problematica (A.Baumgarten, Kant, Hegel, Nietzsche, G.B.Vico), va ad abbracciare: 1- le concezioni di “opera d’arte” e di “visione estetica” mutate nel tempo a partire dal periodo ellenico per poi arrivare a quelle rielaborate da Marcel Duchamp e Andy Warhol. 2- l’analisi sull’autenticità dell’opera d’arte e quindi sulla sua riproducibilità collegata ad un discorso sull’esigenza. 3- il valore dell’opera d’arte nell’epoca della riproducibilità tecnica, il valore di rapidità e visibilità appartenenti al sistema dei media che pone l’immediatezza estetica come “archè” di tutto.

Forte è l’influenza che hanno avuto su di lui in particolar modo artisti quali: Joseph Kosuth, Francys Alys, Jeremy Deller, Giovanni Anselmo, Jannis Kounellis, Joseph Beuys, Richard Long, Robert Ryman e ovviamente Duchamp e Warhol.

La vita di Manuel Fasciani è “impregnata” di arte, in tutte le sue sfumature. Egli stesso si dissocia dal categorizzarsi in un determinato “girone artistico” poiché dare un nome alle cose, a qualsiasi circostanza, a tutto ciò che si fa o ci accade, sostiene, ci allontana da essa stessa perché ostacola la nostra attività di pensiero, creando di conseguenza limiti all’immaginazione. Per lui l’arte è un “passaporto” per una vita ricca di stimoli e il mondo è pieno di cose ovvie che nessuno si prende mai la cura di osservare.

Dall’età di 17 anni inizia a partecipare ad estemporanee di pittura e ad allestire mostre nei vari comuni dell’Abruzzo realizzando anche una raccolta con alcuni dei suoi elaborati artistici dal nome “Mondo a p-Arte”.

Sesso: 
Maschile
Data di nascita: 
Venerdì, 31 Dicembre, 1993

Opere dell'artista

News & Blog

This user has not published any content of this type.

Corsi

This user has not published any content of this type.

Eventi

This user has not published any content of this type.